CORSI E RICORSI…..DALL’ANTICA ROMA di Marco Coccia

Rex Warner (1905-1986) scrittore, poeta , tra i più eccelsi traduttori dal greco e dal latino , sfoggia in questo romanzo storico di ambientazione classica, tutto il suo vasto repertorio di cultura classico-romana, ricomponendo un mosaico di importanza e caratura planetaria sulla vita e sull’irresistibile ascesa al potere del grande Cesare. Un memoriale, che ripercorre la vita del condottiero romano dall’adolescenza al passaggio del Rubicone, in una fantastica interpolazione narrativa della storia. L’autore ricostruisce in modo meticoloso e severo il mondo dell’antica Roma e dei suoi protagonisti, Pompeo, Cicerone, Catone, Bruto rievocati dalle parole della voce narrante di Cesare. Un racconto-diario, quasi un epistolare per descrivere fatti e misfatti di una Roma poco conosciuta; da Silla a Carso passando per i pirati, quest’ultimi annientati e sconfitti, primo passo verso il traguardo del potere assoluto. Con tono panteocratico il grande condottiero fa la conta delle sconfitte e dei successi senza esimersi dall’autocritica, mostrando un personaggio quanto mai vulnerabile minato nell’animo dalla figura dello zio Mario, un politico militare prigioniero della passione, a cui mai fu riconosciuta giusta gloria. Emerge la figura di un giovane Cesare avvezzo alla politica padrone di una grande oratoria e con un grande senso di giustizia. Aristotele, Platone, Euripide i suoi ispiratori e proprio di quest’ultimo amava spesso ripetere: “ se errato bisogna che sia ordunque meglio farlo per cagione del supremo potere e in altre cose contenersi sempre bene”, che la dice lunga sulla sua innata diplomazia. Un percorso di anni che mostra la trasformazione di un giovane: da perseguitato dai sicari di Silla a console del popolo romano, che acquisisce vita natural durante un’esperienza eccezionale, sia dalla politica che dalla natura umana. Sempre convinto che ogni uomo è padrone del suo destino, oltre, quel comune credere che fosse in mano agli dei. Più di ottocento città prese d’assalto, trecento nazioni soggiogate, innumerevoli battaglie campali dove combattè complessivamente con più di tre milioni di uomini, per avere un destino più illustre di quello di chiunque altro. Saggiamente Rex Warner riproduce con estrema precisione storica l’evoluzione della società romana, dalla lotta per la sua conquista, al conflitto tra senatori-conservatori ed eroi della repubblica. Pone però anche i grandi dilemmi esistenziali, che già nell’antica Roma si ponevano, nella figura del giovane Cesare in primis, ma anche nella vita di tutti i giorni, nei falsi processi, nella “malapolitica” nelle discriminazioni sociali. Quando il popolo perde la fede nella giustizia e la politica non è più credibile, torna terreno fertile per la rivoluzione. E’ certezza che la storia si ripeta ciclicamente?

Il Giovane Cesare
di Rex Warner
ed Castelvecchi
2012
Disponibile presso la biblioteca comunale di Civitavecchia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...