LA QUESTIONE PERSONALE ERA FINIRLO DI LEGGERE di Linda Politi

Un romanzo “bipolare”, tanto attento sotto il profilo del background storico, quanto noioso nella narrazione di vicende prive della suspense che ogni libro giallo dovrebbe avere per meritarsi tale classificazione.

La storia si svolge nella Londra del 1757. Un giovane ufficiale britannico, Lord John Grey, scopre casualmente che il futuro marito di sua cugina soffre di sifilide e decide di occuparsi della faccenda evitando scandali. Contemporaneamente gli viene affidato un caso di omicidio: un altro ufficiale, sospettato di essere una spia per conto dei francesi, viene trovato morto in circostanze misteriose. Indagando, Jhon scopre che le due storie non sono affatto parallele e che la risposta ai suoi quesiti potrebbe trovarsi su una nave diretta in India…
Il libro è uno spin-off della fortunata serie di romanzi “La straniera” della scrittrice americana Diana Gabaldon, classe 1952, laureata in zoologia e un lavoro da insegnante di scienze ambientali nell’università dell’Arizona. L’autrice ha deciso di prendere un personaggio di cui già ha scritto in maniera marginale nelle altre storie, per renderlo protagonista di un’altra avventura.
Il tono del racconto è piatto e non mostra i particolari momenti di suspense che l’intreccio meriterebbe. La lettura rimane piacevole se lo si vuole vedere come romanzo di intrattenimento, ma delude se lo si vuole considerare un poliziesco. Lo sfondo della storia, ambientata nella seconda metà dell’ottocento, è invece molto dettagliato e accurato nel descrivere gli ambienti, i personaggi e gli usi di quel tempo. Da questo punto di vista il racconto assume un fascino innegabile che va a perdersi però in una storia forzata e poco accattivante. Diana Gabaldon riesce ad aggiungere dettagli grazie a digressioni caparbie nei punti giusti che non intralciano troppo la narrazione.
Lo stile è piacevole, costellato com’è da battute che colgono di sorpresa e che riescono a dare spessore ai personaggi descritti, connotandoli in una maniera realistica, simpaticamente umana. L’intreccio risulta confuso e poco intuitivo se ci si vuole dedicare alla lettura come passatempo. Molti nomi si intrecciano in vicende chiare solo al protagonista, che sceglie di spiegare ciò che succede affidandosi non a ciò che vede ma alle sue sensazioni. Questo dà un tono poco credibile alla narrazione, perché i fatti vengono mostrati in una prospettiva a volte troppo soggettiva. L’autrice forse si rende conto di questa pecca e tenta di porvi rimedio facendo fare ai personaggi, di tanto in tanto, il punto di una situazione che, altrimenti, capirebbero solo loro.
Anche la risoluzione dell’intricata vicenda appare semplicistica e ruffiana. La correlazione tra l’omicidio dell’ufficiale e la malattia del conoscente sembrano complicare in un primo momento il caso a Lord John, ma nella soluzione finale la storia prende una piega romantica molto più banale di quanto ci si possa aspettare da un inizio, invece, piuttosto frizzante.
Un romanzo che si sa vendere, ma che non convince ad un’analisi più attenta. Il lettore impegnato può vederlo come una prova al di sotto delle proprie capacità, mentre il lettore di evasione può trovarsi disorientato da un susseguirsi di vicende un po’ complicato e difficile da interpretare a una prima lettura.

Lord John e una questione personale
Diana Gabaldon
edCorbaccio                                                                                                                                                                                                                                                      2011
€ 18,00
disponibile presso la biblioteca comunale di Civitavecchia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...