“PER ME, L’ASSASSINO È IL CAMERIERE!” di Antonio Simeone

“Killing time” a cura di Lee Child

Prima di tutto: questo non è un romanzo!
È un thriller, si, ma non il tipico romanzo giallo (tutto un altro paio di maniche); tirate bonariamente questo “respiro di sollievo”: il libro in questione è una raccolta di racconti, una cosa (apparentemente) molto meno impegnativa.

486 pagine, 20 racconti, venti dei maestri del noir che in poche pagine calano uno scandaglio nell’animo umano, cogliendone i flash più malati e sconosciuti, mostrandoceli in serie, per mezzo della grande invenzione che è il racconto, nato e costruito intorno ad un’idea, precisa o accennata che sia.

I racconti spaziano dal thriller, al giallo, al crime, passando per la più classica detective story.
Ora…
… so che per la stragrande maggioranza delle persone (compreso il sottoscritto) questi generi sembrano perfetti per indicare la stessa identica cosa, ma la differenza c’è, fidatevi!
I racconti sono ambientati, ciascuno, in una delle tante località americane; i protagonisti spaziano, per fare qualche esempio, dalla poliziotta dalle particolari necessità sessuali, al tipico redneck d’oltreoceano, all’anonima persona del tutto “tranquilla”. Trattandosi di racconti sarebbe brutto e sconveniente redigere venti mini-trame.
È doveroso, poi, segnalare la presenza del racconto d’epoca che ha a che fare con niente di meno che il detective per eccellenza, sua santità Sherlock Holmes.

Killing time si presenta come un libro curioso per i profani del genere e stuzzicante per gli appassionati, forse carico di spunti per chi voglia, come scrittore, accingersi su questa strada. È lo stesso Lee Child, curatore del libro, a dire che il racconto permette di “spiegare le ali”: gli autori di noir possono usarlo per storie più delicate e, al contrario, chi è estraneo al genere può mettersi alla prova.
Dice Child: “ I racconti sono come la gara di fuoricampo che precede l’ All Star Game del baseball… le pressioni di un lungo campionato vengono messe da parte, tutti sorridono, si rilassano e cercano di battere più forte che possono”.
Killing Time
a cura di Lee Child
editore Longanesi
2012
€ 18,80

Disponibile presso la biblioteca di Civitavecchia


					
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...