Si chiude con successo l’ultima delle cinque repliche del musical “Sweeney Todd”, allestito dalla compagnia Blue In The Face al teatro Nuovo Sala Gassman di Civitavecchia dal 17 al 22 maggio.

La storia è più o meno nota anche grazie alla trasposizione cinematografica che ne ha fatto Tim Burton nel 2007.
Londra 1846. Il barbiere Benjamin Barker torna in città dopo quindici anni trascorsi in carcere per un’ingiusta condanna perpetrata ai suoi danni dal crudele giudice Turpin. Quest’ultimo, innamorato in passato della bella moglie del barbiere, è ora il tutore di Johanna, sua figlia. Barker, ossessionato dal desiderio di vendetta, si trasforma nello spietato Sweeney Todd, il sanguinario serial killer di Fleet Street. Sua unica amica e complice la stravagante Mrs Lovett, proprietaria di un negozio di tortini di carne, che lo aiuta a disfarsi dei cadaveri delle vittime…

Ispirato a un personaggio letterario del XIX secolo, forse realmente esistito, Sweeney Todd: The Demon Barber of Fleet Street è un musical scritto da Stephen Sondheim e Hugh Wheeler nel 1979. “Ladies & Gentlemen”, il comparto della Blue In The Face specializzato in musical e coordinato da Riccardo Benedetti, ha magnificamente realizzato per la regia di Valerio De Negro (Sweeney Todd sulla scena) il riadattamento teatrale in italiano di Rachele Giannini (interprete nei panni di Mrs Lovett).

Uno spettacolo curato nei minimi dettagli, in cui la Londra vittoriana e tutto l’immaginario ad essa collegata prendono FOTO2corpo nel gioco perfetto di luci e “nebbia”, all’interno del quale i personaggi si muovono dando vita all’azione. È in questo ambiente che si colloca il vero punto focale della scena: una costruzione mobile che gli stessi attori roteano puntualmente, trasportando di volta in volta gli spettatori fuori al negozio di Mrs Lovett, all’interno di quest’ultimo, nella bottega del folle barbiere e in altri luoghi di Fleet Street. Ma come se non bastasse, dalla stanza in cui Todd uccide le proprie vittime, collocata al piano superiore dell’ingegnoso attrezzo scenico, i “cadaveri” spariscono attraverso una botola segreta, andando a finire dritti nella cucina di Mrs Lovett, al piano inferiore. Sinceramente, vedendo questo artificio (ideato da Giuseppe Scoglio, scenografo/attore) ho pensato: Ah, ecco il Teatro!
Oltre ai personaggi principali, sul palco ben tre cori si sono riuniti per formare l’Ensemble Sweeney Todd diretto dal maestro Fabrizio Castellani: Sol Diesis, Incantus e il Coro Blue in the face. La delicata regia è affidata alla gestione di Daniele Petroselli (disegno luci) e di Silvia Crocchianti (fonica).

Il Nuovo Sala Gassman è dopotutto un piccolo teatro di appena cento posti, ma niente ha da invidiare a strutture più capienti e rinomate. Il merito va interamente alla cura e al lavoro di quanti lo gestiscono e animano, spinti non da altro che dalla passione. Molte sono, nel nostro Paese, queste “piccole” realtà, troppo spesso ignorate, testimoni del fermento culturale ed artistico che nonostante tutto riesce (fortunatamente) ancora a coinvolgere numerose persone, specialmente tra i giovani.

Teatro Nuovo Sala Gassman
Direttore artistico: Enrico Maria Falconi
Largo Italo Stegher 2
Civitavecchia (Roma)
0766.672382
328.8628117

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...