“Ischia” di Gianni Mura

Gianni Mura giornalista professionista dal 1967 attualmente alla Gazzetta dello Sport.

Il commissario Jules Magrite già conosciuto in Giallo su Giallo (2007), questa volta varca confini francesi per approdare all’isola di Ischia.

Giunge ad Ischia in vacanza insieme al giudice Michelle Lapierre con la quale è agli albori di una storia d’amore. Troverà sull’isola in veste di Cicerone un personaggio alquanto ambiguo e dal passato turbolento, Peppe o’ francese, vissuto per parecchi anni in Francia conoscendo tra l’altro anche le sue prigioni.
La quiete della vacanza sarà minata da eventi tragici che rivelano una realtà ben diversa da quella spesso associata all’isola, ossia terme, massaggi, mare e buona cucina.

Tuttavia la coppia Magrite-Lapierre rimane incantata dall’isola, forte sia dei percorsi alternativi suggeriti da Peppe sia e sopratutto dalle lunghe chiacchierate fatte dall’improvvisata guida, che a mio parere costituiscono la spina dorsale del romanzo andando a trattare aneddoti poco conosciuti sull’isola (a riguardo è interessante la storia del soggiorno di Truman Capote) e finendo con politica, corruzione e degrado, mettendo in risalto le differenze di gestione della cosa pubblica tra l’Italia ed il resto d’Europa.
Emblematica la frase: qua basterebbero 5 anni governati da un tedesco o da uno svizzero-tedesco e le cose andrebbero divinamente.

Ischia
di Gianni Mura
Narratori Feltrinelli
Novembre 2012
€ 14,00
Disponibile presso la Biblioteca di Civitavecchia

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...