sepulveda

“Ingredienti per una vita di formidabili passioni” di Luis Sepùlveda

I testi che compongono Ingredienti per una vita di formidabili passioni accompagnano il lettore nel viaggio attraverso la nascita della passione per la scrittura, l’impegno politico, l’esilio e le persone che hanno influenzato la vita e il pensiero del grande autore cileno.

Lo scrittore e l’uomo si ricongiungono in questo volume in cui, attraverso il racconto di ricordi, aneddoti e riflessioni, Sepùlveda espone il proprio punto di vista su questioni di diversa natura, dalle scelte personali che hanno contraddistinto la carriera dello scrittore alle pungenti ed infervorate considerazioni sull’attuale crisi europea.

Tra le pagine più emozionanti dell’opera risaltano quelle dedicate al Paese di nascita dell’autore, il Cile, di cui commenta la storia vissuta in prima persona ma anche l’indole della sua popolazione, improntata di solidarietà e volta alla ricostruzione, alla resistenza, e formatasi al cospetto di una natura impetuosa e violenta regolatrice.

Di pari passo l’elogio nei confronti di maestri, colleghi e amici come Tonino Guerra, Josè Saramago e Gabriel Garcia Marquez, si accompagna all’ammirazione per i minatori di tutto il mondo, dai trentatré sopravvissuti nel 2010 al crollo di San Josè ai lavoratori nelle cave delle Asturie che solo un anno fa hanno scioperato in massa in nome del loro diritto al lavoro, minacciato dalle politiche energetiche europee indirizzate a una diminuzione della produzione interna di carbone in favore di un’importazione “a prezzi competitivi”. Quest’ultimo episodio è narrato nel capitolo intitolato “Asturie: viva i minatori”, uno dei più belli a mio parere, in cui l’autore dà voce a una classe sociale spesso dimenticata, descrivendo la durezza di un mestiere che entra a far parte del corredo genetico di chi lo svolge e che, nello specifico caso citato, dimostra la persistenza e l’attualità del concetto di “lotta di classe”.

Ed è proprio questo “dare voce a chi non ha voce” che intitola uno dei capitoli con il quale Sepùlveda chiarisce il senso del proprio mestiere, illustrando un’idea di letteratura in cui l’etica e l’estetica s’incrociano in conformità con il dualismo persona-scrittore, così come dimostrano le figure di autori come Émile Zola, Baldomero Lillo, Guimarães Rosa e Ryszard Kapuściński, ma anche la stessa vita dello scrittore cileno, caratterizzata da un’instancabile attivismo sociale e politico.

Ingredienti per una vita di formidabili passioni è un libro imperdibile per chi già conosce l’autore e per chi ha intenzione di scoprirlo!

Ingredienti per una vita di formidabili passioni
di Luis Sepùlveda
Guanda
2013
14,90 €
Disponibile presso la biblioteca di Civitavecchia

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...