CIAO SINDACO di Marco Coccia

15181.immagine1.1Quand’è che conviene dimettersi ?    

Marco Zacchera, politico italiano, laureato in Economia Aziendale all’Università Commerciale Luigi Bocconi e in Storia delle Civiltà presso l’Università degli studi del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro”, è giornalista pubblicista e dottore commercialista. Oramai ex sindaco di Verbania, nonché parlamentare nelle file del centrodestra, nel maggio del 2013 rassegna le proprie dimissioni dall’incarico che i suoi concittadini del comune affacciato sul lago di Como gli avevano assegnato.

Appassionato alla scrittura l’onorevole Zacchera presenta il suo libro “Ciao Sindaco”, pubblicato dalla casa editrice Acco (2013) per la collana Instant Book .

Dopo le sue dimissioni Verbania si ritrova di punto in bianco senza il suo condottiero, priva di colui che fu stato scelto da oltre il 54 % dei cittadini, con tutti i drammi che ne seguono di un comune gestito da un commissario prefettizio. Ed allora ecco spuntare questo libro una sorta di raccolta, oltre seicento messaggi inviati al sindaco dimissionario dove si legge di tutto. Complimenti, auguri, solidarietà e accuse, persino una lettera anonima per la quale Zacchera si recò a sporgere denuncia verso ignoti. Ma chi e che cosa ha indotto l’onorevole sindaco ad un gesto tanto irresponsabile come abdicare? L’autore che un tempo fu arbitro, dice di essersi auto espulso per via di un muro contro muro che continuava a perdurare da troppo tempo. Sembra però che le reali cause siano da cercare altrove. Dal libro non emerge quali siano le vere motivazioni di queste chiacchierate dimissioni, semmai la raccolta riesce a far intendere al lettore quali siano oggi le reali considerazioni che la gente ha della politica. Quali? Preferisco non darvi la risposta, leggendo questo libro ve ne accorgerete.

Molti, sono certo troveranno persino risposte che gli sembreranno famigliari, come in un déjà vu penserete di aver già vissuto questi fatti, e magari è proprio così.

Allora quando è che conviene dimettersi?

La risposta a questa domanda invece è evidente, persino banale: quando hai di meglio da fare. In realtà conviene soprattutto dimettersi quando non ti conviene più, quando hai già sistemato le tue cose, quando il castello di carta che hai costruito si appiattisce inevitabilmente al suolo, quando chi ti ha scelto non ha più fiducia in te, quando anche tu stesso sai di aver tradito le aspettative. Quando ti rendi conto di aver preso per il culo troppe persone, quando sai di aver attentato alla salute pubblica , quando hai applicato tariffe sulle tasse troppo alte, quando non ti fanno fare più i tuoi interessi, quando l’arroganza e l’avidità hanno la meglio su di te o quando non rispetti la parola data e solo in fine quando sai per certo che comunque ti cacceranno via allo stesso modo con il quale si caccia l’invasore, unendosi.

Ciao sindaco può essere un saluto, avvolte un arrivederci , in altre invece un ciao sindaco suona come un “a mai più!” Ognuno interpreti come meglio crede, ciò non cambierà lo stato delle cose.

Ciao sindaco.

Ciao Sindaco

di Marco Zacchera

Acco editore

8,50 €

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...