91ATwaay1dL._SL1500_

Un paesino arretrato, dominato dai monotoni ritmi naturali e dalle stagioni che si susseguono tutte uguali: è così che Fontamara si presenta agli occhi di lettori ormai estranei alle realtà ancestrali.

Silone, in quello che è il suo romanzo più noto, riesce a ritrarre, secondo gli stilemi neorealisti, una società immobile e tradizionalista di un borgo abruzzese che sopravvive avulso dalle vicende politiche nazionali. A Fontamara si è del tutto ignari della realtà sociale che contraddistingue gli anni trenta del Novecento e, in un pericoloso mix di disinformazione, ignoranza contadina e passività, gli abitanti del paesello accettano senza resistenze i soprusi dei potenti, le angherie del regime fascista ai suoi esordi.

I “cafoni” di Fontamara rappresentano un universo a parte, la fotografia sociale di un qualsiasi borgo italiano escluso dalla storia: il contado ignorante non ha i mezzi per comprendere ciò che accade nella realtà, non può opporsi all’ingiustizia e alla prepotenza e, soprattutto, non può dar vita ad una coscienza sociale consapevole, di resistenza al fascismo. Fontamara è pertanto l’emblema della facile vittoria del regime sull’ignoranza piatta e passiva delle comunità contadine.

La vicenda si apre, in un linguaggio immediato ed evocativo della realtà popolare, con l’ennesimo sopruso ai danni dei fontamaresi: il potestà del paesino, in collusione col regime fascista, riesce a sottrarre agli abitanti del borgo, con un abile raggiro, un bene per loro indispensabile, l’acqua. I poveri “cafoni”, pertanto, non possono più irrigare i campi, far abbeverare le bestie e badare al sostentamento delle loro famiglie, senza neanche comprendere la reale portata dell’inganno. Ma alcuni di loro, tra cui Berardo Viola, il giovane e impulsivo protagonista sempre pronto al sacrificio, incominciano a reagire, spezzando quella eterna catena di passività che caratterizza la realtà contadina. Iniziano le azioni di sabotaggio, subito denunciate alle squadracce fasciste, che irrompono nel paesino maltrattando donne, anziani, bambini e sfruttando l’assenza degli uomini, al lavoro nei campi.

Nel frattempo Berardo è bollato come antifascista per le sue attività eversive, senza neanche comprendere bene cosa questo significhi; lascia perciò il suo borgo natio e giunge a Roma per trovare un impiego, ma senza successo. Il suo maldestro tentativo di emanciparsi dalla realtà contadina a cui appartiene si rivela fallimentare, soprattutto quando scopre della morte di Elvira, la donna amata che avrebbe dovuto sposare al termine del suo viaggio. La svolta decisiva nella vita del giovane, distrutto dal dolore e scoraggiato nei confronti della vita, arriva con la conoscenza dell’ Avezzanese, un partigiano abruzzese che gli illustra la situazione politica italiana e l’avvento della piaga fascista, iniziandolo al valore della resistenza e rendendolo un cittadino consapevole, non più un povero contadino ignorante e sprovveduto. I due compagni vengono poi arrestati per errore e torturati fino alla morte di Berardo, spacciata per suicidio dalle autorità.

Sconvolti dall’ingiusta sorte di Berardo, i paesani si sollevano, denunciando l’accaduto, ma non ci può essere vittoria contro la violenza repressiva del regime: le squadracce giungono in paese e attuano una vendetta totale, sterminando senza pietà vecchi, giovani e donne.

Nell’arretrato universo contadino gli esiti di qualsiasi sollevazione sono quindi l’immobilità e il silenzio, proprio come accade a Berardo, eroe delle resistenza, a suo modo e nonostante tutto.

Fontamara

di Ignazio Silone

Mondadori

1988

9€

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...