I PECCATI DEI BORGIA di Ginevra Furlan

Immagine

Recensione di “Alla corte dei Borgia” di Jeanne Kalogridis

Segreti e vicende di una dinastia corrotta nell’Italia rinascimentale.

Jeanne Kalogridis, poliedrica scrittrice statunitense con una grande passione per i mille volti dell’Italia, riesce a tratteggiare un avvincente romanzo storico ripercorrendo le vicende ambigue legate all’affermazione della famiglia Borgia, una “dinastia” dedita alla corruzione e al vizio. La storia è raccontata dalla voce di Sancha, figlia illegittima del re di Napoli Alfonso II d’Aragona e tratteggia le vicende salienti dell’Italia fra XV e XVI secolo, in uno splendido affresco in cui ai complotti, agli amori violenti e ai fatti privati si accompagnano i grandi eventi storici.

Dopo essere stata promessa sposa ad un nobile italiano, Sancha è poi data in moglie a Goffredo Borgia, uno dei figli illegittimi di Rodrigo, il potente e famigerato papa Alessandro VI. Il matrimonio è un puro affare di stato combinato per cementificare l’alleanza tra le due famiglie e non lascia spazio ai sentimenti della giovanissima Sancha, appena quindicenne. Costretta a trasferirsi a Roma con il marito, presso la corte del papa più corrotto e mondano della storia, Sancha è assorbita e accolta da questo particolare ambiente familiare.

Rodrigo viene ritratto come un personaggio disgustoso eternamente dedito al vizio e alla lussuria. Nonostante sia il capo della cristianità, si comporta come un uomo di stato violento e calcolatore, non si cura dei bisogni spirituali del suo popolo, vive nel lusso più sfrenato e ha numerose amanti, tra cui la famosa e affascinante Giulia Farnese, una ragazza molto più giovane che sembra rapirgli il cuore. Tra i suoi figli, Goffredo, il minore e marito della protagonista, è un giovanetto pavido che non sembra aver ereditato il carisma e la crudeltà di Rodrigo. Vi è poi Juan, destinato ad una sfortunata carriera militare alla testa degli eserciti del regno pontificio, allora il più potente tra gli stati e staterelli di cui è disseminata l’Italia. Juan, a causa della sua incompetenza, cade poi vittima delle congiure della sua stessa famiglia.

I primi due figli del papa, Cesare, conosciuto come “il Valentino” e la famosa Lucrezia sono i personaggi più riusciti e brillanti del romanzo. Cesare è inizialmente costretto dal padre ad abbracciare la porpora cardinalizia, pur avendo spiccate attitudini per l’arte della guerra e per il comando. Dopo l’omicidio del fratello, è proprio lui a farsi carico delle speranze italiane di riunire sotto un unico vessillo (quello papale) l’intera penisola, sogno mai destinato a realizzarsi. Cesare è un uomo perverso, crudele ma pieno di fascino e finisce per diventare l’amante di Sancha. Lucrezia, unica ed energica donna della casata, eredita dal padre la propensione alla lussuria e al vizio, tanto che intreccia una ambigua relazione incestuosa con il fratello Cesare. Sancha è inizialmente sconvolta dall’ambiente immorale in cui si trova a vivere, poi ne è pian piano risucchiata, sino ad accettare di vedere l’amato fratello Alfonso, un giovane onesto e puro di cuore, sposare la dissoluta Lucrezia.

La vicenda si trascina poi in un crescendo di uccisioni, congiure e ardite macchinazioni della famiglia papale, portando il lettore nel pieno vortice della grande storia. Un avvincente romanzo a tinte fosche, e, a tratti, un thriller in cui alla dettagliata ricostruzione storica si mescola la fantasia dell’autrice.

Alla corte dei Borgia
di Jeanne Kalogridis
Longanesi
Ed. 2006
18,60 euro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...