Immagine

Recensione di “Cinque allegri ragazzi morti Vol. 1” di Davide Toffolo

La raccolta definitiva dei graphic novel che hanno dato origine al gruppo rock Tre Allegri Ragazzi Morti.

Davide Toffolo oltre ad essere il cantante e il chitarrista dei Tre Allegri Ragazzi Morti è anche un valente fumettista: due aspetti che si fondono in continuazione tra di loro. “Cinque Allegri Ragazzi Morti” è la raccolta completa dei graphic novel da cui parte tutto l’immaginario che contraddistingue la band e la rende inconfondibile, anche grazie all’uso costante di maschere a forma di teschio. Il libro è suddiviso in tre episodi e in uno pilota: “Party flambé”, “L’autostrada dell’amore”, “L’alternativa” e “Mostri e normali”.

Il primo episodio, “Party flambé”, è ambientato in una festa d’istituto dove dovrà esibirsi la misteriosa rock band “Cinque allegri ragazzi morti”. Paolina, amareggiata perché all’ultimo momento, Giulio, il ragazzo che la doveva accompagnare alla festa, non è più venuto e ha mandato in sua vece Normo, rimane piacevolmente colpita da Gianni Boy, uno dei musicisti. Nel frattempo la band è assillata da una studentessa del giornalino della scuola che cerca a tutti i costi di indagare su di loro. Contemporaneamente due studenti cercano di mettere in atto il loro piano di far ubriacare il professore per copiare le domande del compito in classe che tiene nella valigetta in macchina. Idea che avrà un esito disastroso, come suggerito dal titolo dell’episodio.

“L’autostrada dell’amore”, scritto nel ’98 come “Party flambé”, è il seguito di quest’ultimo. I ragazzi morti sono in viaggio su un furgone e Gianni Boy è molto malato perché ha infranto una regola del loro gruppo: non interferire nella vita dei vivi. Nel frattempo i fratelli Simone e Nicole, in compagnia del cane Osvaldo, fanno l’autostop sotto la pioggia per andare a Catania al concerto degli Offspring. Intanto i ragazzi morti, preoccupati per la sorte di Gianni Boy, invocano telepaticamente Elisa, un essere incorporeo che giunge immediatamente in loro soccorso. Le loro strade e quelle dei due fratelli sono destinate ad incrociarsi fatalmente.

“L’alternativa” è del ’99 e si apre con due ragazze che, sulla banchina della metro di Milano, parlano di quanto sia difficile avere a che fare con i ragazzi. Inaspettatamente, sotto i loro occhi, un uomo si getta sotto la metro in arrivo scena che impressiona tutti i testimoni. Immediatamente si presenta la “Squadra di recuperatori n.1”, istituita dal comune di Milano proprio per queste evenienze, che si offre di recuperare il corpo. In realtà altri non sono che i ragazzi morti, che, subito dopo, si rintanano nelle fogne per divorare il cadavere. Uno di loro, Mario, non si è ancora abituato alla “dieta” prevista per i ragazzi morti e non riesce proprio a mangiare quel corpo. Giunge allora Elisa, colei che li ha trasformati in quello stato, e rivela a Mario che se vuole morire deve sacrificare una vita vera (azione che lui non si sente di fare) oppure provare con un’alternativa. Proprio questa seconda opzione lo porterà ad interferire in una relazione tra due ragazzi, più o meno, normali.

L’episodio pilota “Mostri e normali” risale al ’94 e narra di come cinque amici di scuola siano diventati cinque allegri ragazzi morti. Sumo nota Lidia, la misteriosa ragazza nuova, e chiede alla sua amica Elisa di combinargli un appuntamento con lei. Pochi giorni dopo il professore cade dalle scale e si rompe entrambe le gambe e, subito dopo, gli amici di Sumo trovano nella giacca di Lidia una bambola voodoo del professore. Preoccupati per il destino del loro amico fanno in modo di troncare la nascente relazione: ma la furiosa vendetta di Lidia non si farà attendere.

“Cinque allegri ragazzi morti Vol. 1” è un libro immancabile nello scaffale dei fan della band di Pordenone ma anche per gli appassionati del genere. Il tratto deciso e graffiante di Toffolo accompagna una lettura scorrevole e veloce. Aspetto da non sottovalutare, infine, è la presenza, all’interno del libro, del cd “Canzoni degli anni zero (2000-2007), contenenti dodici successi della band come “Il mondo prima”, “Ogni adolescenza” e “Signorina Primavolta”.

Cinque allegri ragazzi morti Vol. 1
di Davide Toffolo
Ed. 2008
Coconino Press.
17,00 euro

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...