LA SALSEDINE GENERATA DAI RICORDI di Giulia Luciani

10660189_10205393827229282_8939497574814781867_n

Recensione de “Il Sale” di Jean-Baptiste Del Amo

Un romanzo che racconta una giornata e contemporaneamente diverse vite intere.

“Il Sale” narra la storia di una famiglia, ma lo fa in modo non convenzionale. Il tempo effettivo del racconto si consuma in una singola giornata, quella in cui è prevista una cena dove tutti i componenti, finalmente, si riuniranno. Ognuno dei personaggi, però, affronta la giornata in maniera diversa e ricca di ricordi. Tutto sembra ruotare intorno ad Armand, il capofamiglia portato via da una malattia, marinaio dal carattere forte e autoritario, che ha segnato irrimediabilmente le vite di tutti gli altri.

L’anziana vedova Louise vive ormai da sola e decide di organizzare la cena per rivedere finalmente figli e nipoti. Da sempre ha sopportato fedelmente umori, pretese ed ire del marito, ma ricorda ancora perfettamente il tempo nel quale erano felici e spensierati. Albin è il figlio che più di tutti assomiglia ad Armand, è sposato e ha due gemelli, e nella giornata della cena si ritrova a pensare al padre e giunge alla conclusione che non sono poi così simili. Fanny, la sorella, è una donna distrutta dalla perdita della figlia, ancora bambina, avvenuta ormai anni fa che ancora non riesce a superare: per questo marito e figlio si allontanano sempre di più da lei. Infine c’è Jonas, il terzo fratello, è omosessuale e per questo non ha mai avuto un buon rapporto con il padre e neanche troppa fortuna in amore, anche se al momento sembra stare bene con il suo compagno.

Siamo di fronte a un romanzo straordinario. Non solo per la capacità dell’autore di condensare in un solo libro una singola giornata e contemporaneamente una tale quantità di fugaci attimi di passato così significativi da permettere al lettore di ricreare la vita intera dei personaggi, ma anche per lo stile della narrazione. Le descrizioni dei paesaggi, delle atmosfere e delle emozioni sono allo stesso tempo dettagliate e poetiche. Ma c’è molto di più. Variano dal poetico al crudo, dal sublime al ripugnante. Jean-Baptiste Del Amo riesce perfettamente a descrivere qualsiasi tipo di situazione ed è proprio questo che rende questo libro completo e sopratutto vero.

I personaggi sono reali, umani e ci vengono raccontati in tutte le loro sfaccettature. Lo scrittore onnisciente dà spazio a ciascuno dei personaggi a turno e più volte. Il tempo attuale e i ricordi si rincorrono costantemente. Il lettore, entrando nella mente di ciascun componente della famiglia, pian piano ricostruisce tutta la storia. Non viene spontaneo “tifare” per uno piuttosto che per un altro, perché non c’è un “buono” così come non c’è un “cattivo”. Le informazioni che il lettore riceve da più parti gli rendono chiaro la profonda incomunicabilità presente all’interno della famiglia (di molte famiglie). Ogni personaggio è, fondamentalmente, solo.

“Il Sale” insiste molto sulla potenza del passato che inevitabilmente determina caratteri e scelte future. La narrazione porta a farsi delle idee personali sui personaggi, che vengono presto smentite grazie al dispiegamento dei loro ricordi. Così ci si ritrova a capire meglio i vari componenti della famiglia. Infine, un’ulteriore nota di apprezzamento la merita la scelta del titolo, che non solo rappresenta la cittadina portuale in cui è ambientata la vicenda e il lavoro di pescatore del capo famiglia, ma anche quella velata sensazione di amarezza che si prova scorrendo le pagine data sia dall’impossibilità di rivivere momenti felici del passato sia dall’incomunicabilità che regna sovrana.

Il Sale

di Jean-Baptiste Del Amo

Neo Edizioni

Ed. 2013

16,00 euro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...