ALLARME ADOLESCENTI DISTURBATI E MEGALOMANI di Ginevra Furlan

3Dnn+9_2B_gra_9788804642831-shadowhunters_-la-prima-trilogia_original

Recensione di Shadowhunters, prima trilogia di Cassandra Clare

Una saga infelicemente tendente allo urban fantasy e ad alto contenuto diabetico/psicotico

Se siete determinati a trascorrere ore infruttuose e alla ricerca di significati profondi che poi non troverete, allora questo è il libro che consiglio caldamente. Avvicinarsi allo urbanfantasy, per qualsiasi adolescente o giovane, è abbastanza comune, se non doveroso, ma sorbirsi dei surrogati stereotipati, delle copie venute male, a metà tra l’onnipresenteHarry Potter e la banalità diabetica di Twilight (sigh) è roba per veri coraggiosi e forse un po’ al limite del masochismo. Only for the braves, insomma. O almeno per chi ha la pazienza di non usare le pagine del libro per soffiarsi il naso nelle fredde giornate autunnali. E, fidatevi, di pagine ce ne sono veramente tante (sigh). Pronti all’immersione nel mattone della Clare?

Siamo a New York, ai tempi nostri, dove un gruppo di adolescenti montati e inverosimilmente pericolosi, gli shadowhunters, la fanno da padroni. I piccoli assassini in erba hanno un unico passatempo: girare per il mondo uccidendo demoni, tra sangue, spade angeliche sguainate, membra mutilate e ironia spicciola. Clary, la dolce e giovanissima protagonista (che poi tanto dolce non è, almeno non dopo essersi imbattuta nella cricca dei baby assassini) conduce una vita tranquilla e assolutamente normale nella grande mela. A dare una previdibilissima svolta alla narrazione (lenta e a tratti allucinata dalle oscure e perverse pulsioni del mondo adolescenziale) è lo scontato incontro di Clary con Jace, il più bello, letale e presuntuoso degli shadowhunters. Chiaramente, è amore a prima vista (che sorpresa, eh?!). D’altronde, come non innamorarsi follemente di un perverso, piccolo mostro diciassettenne il cui gioco preferito è mutilare-uccidere-massacrare? L’aria da bimbo cattivo con qualcosa di sinistro e irriverente, il fascino del male e la propensione da baby playboy: non vi ricorda proprio nessuno? Un aiutino: il “figo” di turno non ha le zanne da vampiro, ma scommetto che renderebbe orgogliosa la Meyer, nonché autrice della saga dei succhia-sangue per eccellenza, Twilight. La piccola copia del vampiro Edward attrae fatalmente Clary nel suo mondo di demoni e lotte con le creature dell’aldilà. Anche lei, al pari del suo corrispettivo femminile della Meyer, non si sente bella ma lo è, ha paura di tutto come il peggior coniglio pavido ma alla fine salva il mondo a colpi di spada. La classica ragazzina insicura, complessata e tutta sospiri che, improvvisamente, si scopre sicura di sé, sana e invincibile,come nei più scontati clichè dei romanzi adolescenziali. Ma nulla a che vedere con gli autentici romanzi di formazione: Clary è ben lungi dall’essere il giovane Holden.

A condire la storia con l’ennesima svolta scontata e prevedibile è la scoperta di Clary di appartenere ad una antica famiglia di shadowhunters e, dulcis in fundo, Jace si rivela essere… suo fratello creduto morto! Ma una relazione incestuosa tra adolescenti psicopatici non bastava alla Clare, che non ha potuto fare a meno di aggiungere al suo calderone fumante anche una tragica e perversa situazione familiare. Jace e Clary, infatti, sarebbero stati generati da un vero e proprio mostro, un padre padrone con sangue di demone nelle vene, un terrorista dell’aldilà, una piaga per tutta l’umanità e il nemico numero uno di tutti gli shadowhunters: Valentine. Ce la faranno i nostri eroi megalomani, i nostri amanti incestuosi a sconfiggere le terribili trame del classico orco delle favole, nonché loro padre? Un Voldemort redivivo e psicopatico (altrimenti, da chi avrebbero mai preso i figli?) preso a prestito per l’occasione…

Tanti auguri a chiunque abbia l’ammirevole pazienza di scoprire il grande, smielato finale!

 

Shadowhunters, la prima trilogia

Cassandra Clare

Mondadori, 2014

1568 pag.

€ 22

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...