elena ramella

di Daniela Esposito

Oggi il Bibliomane ha il piacere d’incontrare Elena Ramella, giovane e promettente scrittrice torinese, autrice di Lettere dalla notte, antologia di racconti pubblicata a giugno 2015 per Edizioni La Gru. La raccolta è composta da venti storie, o meglio da venti piccoli scorci del ricco immaginario dell’autrice, da cui nascono le scene oniriche e gli eterei personaggi che accompagneranno i lettori durante questo surreale viaggio notturno.

Lettere dalla notte è la tua prima pubblicazione. Ti va di raccontarci come sono nati i venti racconti che la compongono?

Lettere-dalla-notteHo scritto il primo racconto della raccolta quasi tre anni fa. Poi ho continuato ma non è stato uno scrivere costante. Nel frattempo, ho accumulato idee, ho ascoltato molta musica, ho visto molti film, ci sono state molte esperienze: posso dire di essere cresciuta un po’ con questo libro, lo sento estremamente mio. Sono affezionata ad ogni racconto, e ricordo perfettamente quando ognuno di essi è stato scritto e da dove è nata l’ispirazione. Il primo racconto della raccolta è la storia di una sposa che si macchia l’abito con il succo di una ciliegia. Era estate ed ero seduta sul balcone, avevo morsicato una ciliegia e avevo macchiato la mia maglia preferita. Ecco, da quel momento non ho smesso di pensarci e ci ho scritto un racconto.

Il tessuto onirico dei tuoi racconti è legato a una forte componente visiva, tu stessa parli di immagini più che di storie. Puoi dirci quali sono i tuoi modelli di riferimento, sia in campo letterario che artistico e cinematografico?

Esatto, sono le immagini più che le storie. Non importa se alla fine della raccolta non ci si ricorda più le trame o i personaggi, importa quello che è rimasto, il residuo della lettura. Di sicuro i racconti della scrittrice Aimee Bender mi hanno fortemente influenzata sia nello stile di scrittura sia nelle trame “surreali”. Mi riempio la testa di immagini che trovo ovunque, sul web, sui libri, immagini surreali che danno un impulso alla mia fantasia. Unisco alle immagini la musica che ascolto, che può essere cupa o sognante e… voilà!

Da un lato l’editoria tradizionale può essere limitante per l’autonomia dello scrittore; d’altra parte il confronto con professionisti del settore non può che essere fonte di arricchimento. Dopo aver pubblicato online alcuni racconti, qual è stato l’impatto con questa nuova realtà?

All’inizio non è stato facile, passata l’euforia del momento ho realizzato che non sarebbe stata una passeggiata. Ma confrontarsi con editor e gente del mestiere non può far altro che arricchire! Non é facile per un’autrice, soprattutto giovane, imporsi in quel mare di libri che escono ogni giorno. Ho cercato e cerco di fare del mio meglio. Il mondo dell’editoria è tortuoso e ha delle regole tutte sue!

C’è qualcuno di cui ti fidi particolarmente a cui fai leggere i tuoi scritti per una prima valutazione?

Solitamente resto in silenzio, scrivo e poi un bel giorno me ne esco dicendo: Pubblico un libro! Fa parte del mio carattere, non che io non accetti pareri o giudizi, anzi. Semplicemente preferisco aspettare. Anche se chiaramente c’è qualcuno che viene informato per primo!

Sappiamo che stai già lavorando a un nuovo progetto. Possiamo avere qualche anticipazione per il lettori del Bibliomane?

Come dicevo, il mondo dell’editoria spaventa un po’, ma non smetto mai di mettermi in gioco. In primavera uscirà qualcosa di nuovo, non più una raccolta di racconti ma un romanzo breve. Una novità assoluta per me che ho sempre scritto solo racconti!

Annunci

Un pensiero riguardo “BUONGIORNO, MEZZANOTTE. INTERVISTA A ELENA RAMELLA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...