di Viviana Minori

127kBdiarte – pensare l’arte in rete di ElasticGroup of Artistic Research

Un libro aperto, un libro a forma di blog è un’utopia? No, 127kbdiarte – pensare l’arte in rete ve lo dimostra.

Ho sempre pensato che la lettura fosse un po’ come un dialogo interiore, un modo per parlare alle parti nascoste di noi stessi ma non ho mai pensato ad un libro che potesse portare il lettore allo stato di co-creatore; la scrittura collettiva non è nulla di nuovo, il caso Wu Ming ne è la prova lampante, ma questa modalità presuppone una cooperazione istantanea dei partecipanti, nel nostro caso la situazione è diversa in quanto siamo davanti alla co-scrittura connettiva.

Già nei primi capoversi l’idea del libro, o meglio del progetto, ci viene presentata e chiarita dai curatori che parlano della morte della scrittura individuale e la nascita di una modalità di scrittura più ludica e collettiva ma con tempistiche differenti: dialogo, scrittura e, infine, il pacchetto libro, il tutto in rete. Secondo i curatori, Alexandro Ladaga e Silvia Manteiga (fondatori dell’ElasticGroup of Artistic Research), per vivere pienamente la letteratura del nostro tempo, e quindi la scrittura, è impensabile prescindere dal fruitore ultimo, il lettore.

Per realizzare il libro i curatori sono partiti dal metodo dialettico, che presuppone un confronto, utilizzando la rete come medium per connettere gli utenti del blog www.egarlab.eu; il libro è diviso in diversi capitoli, venticinque per la precisone, ognuno dei quali affronta un determinato aspetto del macro argomento che è già presente nel titolo: l’arte. Dopo una breve introduzione, che serve al lettore per comprendere i confini del topic, vengono inseriti i post degli utenti del blog, post che parlano di esperienze personali che non sempre combaciano con il punto di vista delle righe precedenti. Al termine del dialogo in differita è posto uno spazio bianco che aspetta di essere riempito con il nome, la data e l’opinione del lettore che diventa co-scrittore.

Interessanti sono gli inserti che si allontanano dal concetto stesso di arte per approdare alla filosofia (non a caso possiamo parlare di blogsofia), alla semiotica e alla sociologia; il tutto avviene attraverso punti di vista di persone provenienti da culture diverse e quindi portatrici di significati diversi. Il pubblico, il critico d’arte, il museo come spazio e ancora tanti altri argomenti che necessitano di essere discussi, ridiscussi e risistemati anche dalla penna del lettore che deve e può riempire gli spazi vuoti, il lettore che non può fermarsi alla sola lettura perché 127kbdiarte è un libro da pensare e da fare: enter ed exit aiutano a catapultare il nuovo aspirante scrittore nella dimensione del blog, di internet e quindi della rete.

Il team di E.G.A.R. propone un approccio cooperativo all’estensione del libro, estensione che nasce nel momento in cui il testo smette di essere oggetto commerciale ed inizia a diventare appendice del lettore; quante volte avremmo voluto chiedere al personaggio di un romanzo le motivazioni che lo hanno spinto verso un dato comportamento? 127kbdiarte tenta la strada della risposta.

127kBdiarte – pensare l’arte in rete

di ElasticGroup of Artistic Research

Psiche e Aurora Editore 2015

€ 15.00

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...