UN TANGO PER MAZZONI

di Daniela Esposito

 “La musica, come denota l’arredamento, è un amore continuo, quotidiano.”
(da Un tango per Victor)

Un tango per Victor, l’ultimo romanzo di Lorenzo Mazzoni, uscito lo scorso aprile per Edicola Ediciones, si snoda attorno ai temi dell’innamoramento e della ricerca delle proprie origini. L’italo-cileno Denil scandisce le sue giornate tra il lavoro al coffee shop e l’hobby di dj nella capitale olandese, finché un giorno la sua routine è interrotta dall’incontro con una misteriosa ballerina di tango…

A metà strada tra guida turistica di Amsterdam e inventario di un negozio di dischi, il racconto prende forma attraverso elenchi di luoghi, canzoni, musicisti e personaggi. Questi ultimi sono caratterizzati da pochi tratti geograficamente connotati e risultano essere dei tipi alquanto bidimensionali: fatta eccezione per il protagonista, che eredita dall’autore la passione per la musica, la stessa ballerina argentina Julia, il rivoluzionario zio Victor del titolo, la ninfomane ceca Mahulena, lo scontroso congolese Bi Bi, il nevrastenico Nicholas, il goffo siciliano Arturo, la svizzera puritana Camilla e tutte le altre figure che attraversano la storia sono meno che comparse.

La peculiare attrazione di Mazzoni per l’esotico straborda in questo libro e, nonostante la narrazione lineare, si esplica in una serie di dati rigettati come in un flusso di coscienza per cui la storia diviene soltanto un pretesto. Lo stesso avviene con la musica ma, in questo caso, il lettore è avvertito fin dalla Nota dell’autore e, dopotutto, per gli appassionati i suggerimenti dello scrittore potrebbero anche nascondere qualche piacevole scoperta.

Si tratta di una lettura breve e leggera, a tratti divertente, ma le tematiche storiche e civili legate al Cile e al nome di Victor Jara (che mi avevano attratta verso il libro) risultano infine solo dei pretesti narrativi ed esulano dal contenuto principale che, ripeto, è quella che inizialmente viene presentata da Mazzoni come la colonna sonora e che in realtà è la vera protagonista del romanzo.

Concludo consigliando Un tango per Victor come una veloce lettura non impegnata da viaggio in treno con auricolari o cuffie alle orecchie. Facciamo comunque i complimenti a Mazzoni per le sue effettive doti di “musicalizador”.

Un tango per Victor
di Lorenzo Mazzoni
Edicola Ediciones 2016
11,00 €

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...