I bibliomani non vanno mai in vacanza, diciamocelo! Anche quando il momento è propizio per riposare la mente (e gli occhi) il vero amante della lettura non preferisce mai una giornata di sano ozio a quella passata in compagnia del fedele compagno di viaggi (fisici o mentali che siano): il libro. Noi della redazione abbiamo deciso di salvarvi da possibili vuoti stimolando la vostra curiosità con i nostri consigli di lettura.

Ecco a voi la lista divisa per redattori:

Mario Michele Pascale

L’Italia non è terra di lettori, si sa. Eppure puntualmente tra gli ombrelloni, i rimasugli di lasagne partenopee e, ahimè, lo scorrazzare di stinte insalatine vegane e bio, ingurgitate con voluttà porcina da cinquantenni decisamente in carne che si ostinano a portare gli zoccoli con tacco dieci sul pietrisco, spuntano i libri. A decine, centinaia, essi si poggiano delicatamente sul viso dei lettori e delle lettrici, per fare schermo al sole nella pennica pomeridiana. Oppure scivolano sulla sabbia, o, meglio, vengono sfogliati con ascetica lentezza da mani gentili, munite, a mo’ di protesi, di unghie ricostruite dai colori e dai motivi improponibili anche a carnevale. La spiaggia è il regno della democrazia. Tutti hanno diritto al mare e alla loro scottatura. Quando si fanno le polpette, del resto, tutta la carne è buona e, nella massa, diventa tutta saporita. Alla fine anche il gluteo, il seno e gli addomi immeritevoli trascendono nell’idealtipo. Persino il topless viene sussunto nell’infinito del “tutto è uguale a tutto”. Leggere, in spiaggia, diviene un esercizio ascetico. Non conta cosa leggi, non conta se davvero leggi. Basta il gesto. Basta l’avere tra le mani l’oggetto. Ma posso io sottrarmi a questa orgia di democrazia e insieme di spiritualità? Assolutamente no. Quindi ecco il mio consiglio di lettura per l’estate.
1) Karl Marx, Il capitale. Edizione Newton Compton. Trattasi di cartonato gommato, con copertina a prova di spruzzi d’acqua. Evita di far trasformare, dal primo ragazzino esuberante che passa gocciolante acqua salmastra, il libro in poltiglia. Ed aiuta in caso vogliate rimorchiare nella sinistra extra parlamentare. Nulla di meglio che fare il broccolone allupato attraverso le metafore dell’accumulazione originaria del capitale. 2) Guido Crepax, Casanova, edizioni del Grifo. Trattasi di libro di grande formato, in ottavo, leggero e di poche pagine. In caso ripara
intero il viso lasciandovi riposare in santa pace. Con questo crea, in chi vi sta vicino, una qual certa curiosità, dovuta sia alle illustrazioni abbastanza esplicite, che alle complicanze di carattere intellettuale che porta l’amore. Ottimo se intendete rimorchiare milfettone o milfettoni in crisi di astinenza. In tal caso, occhio ai mariti e alle mogli. 3) AAVV, La settimana enigmistica. Grande classico. Spaginata è utile anche come tovaglia sulla quale desinare. Risolutiva in caso di approccio con le cougar. Nessuna signora che abbia superato i cinquanta d’età resiste all’otto orizzontale … Buona lettura!

Sabrina Martinelli

La Montagna incantata di Thomas Mann (Corbaccio), un’opera dalla quale non si può prescindere, da leggere almeno una volta nella vita ovunque vi troviate; se poi per le vostre vacanze avete scelto la montagna potrete gustare questo testo impegnativo nella cornice più consona. Se, invece, non avete molto tempo a disposizione per la lettura o avete voglia solo di distendervi in un’atmosfera delicata, fatta di piccoli aneddoti capaci, però, di ricreare un mondo, allora, senza indugi, tuffatevi ne Il libro dell’estate di Tove Jansson (Iperborea). Vi donerà sorrisi e poesia. Da non sottovalutare tra le possibili scelte è anche La signorina Gentilin dell’omonima cartoleria di Aldo Busi (Mondadori o BUR41-fT-1EkbL._SX288_BO1,204,203,200_), un romanzo breve di semplice lettura rispetto ad altre opere dell’autore, ma che rivela un uso sapiente e perfetto della nostra lingua che difficilmente troverete
in altri scrittori. Anche leggere Busi d’altronde è un’esperienza da fare almeno una volta nella vita! Infine, vi propongo Il giorno in cui decisi didiventare una persona migliore di Karen Duve (Neri Pozza), un romanzo-indagine che affronta, con uno stile talvolta persino ironico, temi importantissimi e che non potrà deludervi, anzi forse riuscirà davvero a compiere la magia di rendere ogni lettore una persona migliore! Buona lettura!

Daniela EspositoEuropa e Islam

Il saggio: Europa e Islam. Storia di un malinteso di Franco Cardini (Laterza 1° ed. 1999). Il grande medievalista ci aiuta a comprendere le origini e gli sviluppi del secolare rapporto tra le entità che conosciamo con i nomi di “Europa” e “Islam”. Per contestualizzare e richiamare alla ragione gli impulsi qualunquisti e irragionevoli che oggi minacciano le nostre intelligenze individuali e la capacità di comprendere il mondo in cui viviamo.

La novità: La donna che scriveva racconti di Lucia Berlin (trad.it. Federica Aceto, Bollati Boringhieri 2016). Recentemente riscoperti negli Stati Uniti, i racconti di Lucia Berlin arrivano anche in Italia, rivelando la forza di una scrittrice la cui vita e opera si intrecciano tra le irregolari maglie della contraddittoria realtà americana.shakespeare

Il classico: Nell’anno del 400esimo anniversario della morte del Bardo, suggerisco una rispolverata all’opera di William Shakespeare, nell’edizione che più preferite.

Clara Torregrossa

L’estate è tempo di ozio si sa, ma senza impegno diventa un intervallo riprovevole, barbaro e sprecato, ecco perché dovremmo godere dei benefici del caldo e luminoso sole almeno per leggere un buon libro, che dia risposte o che almeno ci provi, insieme al ricordo di belle giornate, e che ponga domande.

Così il mio primo consiglio è la lettura di Felicità in questo mondo, novantasei pagine di
parole quasi confidate dall’autore, Cloza, il quale, quasi nei panni di un amico, in modo semplice e chiaro cerca di spiegarci cos’è il buddismo laico, la Soka Gakkai e, soprattutto, cosa vuol dire Nam Myoho Renge Kyo. Una spiegazione oggettiva, logica e razionale a tutti i dubbi di chi inizia a praticare o anche di chi,
semplicemente, vuole saperne di più.

downloadContinuando sulla stessa linea, Un altro giro di giostra annuncia il viaggio, la ricerca e la soluzione. Ci offre una limpida analisi sui nostri tempi, nella speranza di ritrovare le vere radici fatte di poco e lontane adesso da noi a causa dei paradossi del capitalismo. L’excursus con Terzani arricchisce e alimenta la coscienza, portandoci anche alla conoscedownload (1)nza di mondi inesplorati.

L’ultimo capolavoro consigliabile è Un posto di vacanza di Vittorio Sereni, perfetto per chi
ricerca l’essenzialità della vita tra cielo e mare, diventa mezzo semplice per isolarsi anche chiusi in una stanza, la poesia, semplice modo di tornare in città e guardare le cose con occhi diversi.

Viviana Minori

Amici stacanovisti della lettura, menti brillanti che nemmeno sotto il sole ferragostano vengono annebbiate dal caldo che porta apatia: mi rivolgo a voi! Non lasciamo che l’indolenza prenda il sopravvento ma leggiamo, leggiamo e leggiamo; di seguito i miei consigli di lettura:

Il kanun di Lek Dukagjini a cura di Donato Martucci, un libro che parla di Alban51Sal+siQmL._SY264_BO1,204,203,200_QL40_ia, di monti e di un codice consuetudinario che disciplinava la vita nei villaggi del nord del Paese. Potrebbe apparire un argomento settoriale e difficile da trattare; in verità l’introduzione del giovane curatore fornisce gli strumenti necessari affinché il lettore possa comprendere i vari temi trattati anche se digiuno di storia albanese. Il libro è consigliato a coloro i
quali non amano solo i romanzi e che credono che la letteratura sia anche un modo per indagare usi e costumi diversi dai nostri.

n2668654Un classico che mai finirò di consigliare è la Medea di Seneca (meglio ancora se letto in concomitanza con quella di Euripide), un libro che deve essere assolutamente letto tutto di un fiato e che prevede una buona dose di introspezione. I secoli passano ma la maestria con la quale Seneca ha saputo disegnare il profilo psicologico dell’eroina divisa tra odi et amo rimarrà sempre un evergreen. Lo consiglio non solo agli amanti delle lettere classiche ma anche, e soprattutto, a coloro che credono di non essere avvezzi a contenuti così aulici. L’ edizione che sento di consigliare è quella di ETS editore.

Per combattere la calura estiva vi porto in Russia con  Nikolaj Gogol’ e i suoi Racconti di Pietroburgo, una serie di brevi racconti interessanti e a tratti paradossali, ideali per trascorrere un pomeriggio sotto l’ombrellone (ma anche in montagna, di ritorno da una mattinata di trekking) senza trascurare la bellezza della lettura.

Linda Politi

Inforco gli occhiali da sole e penso: che libri consiglierei per questa estate?

La decisione è più difficile del previsto: mi tocca sorseggiare acqua e menta e rifletterci su un pochino. Sarà che questa estate la trascorro con poco tempo libero, ma io stessa ho una pila di libri che mi aspetta sul comodino! Quindi, cari lettori, per questa estate vi consiglio di rilassarvi ma anche di non rimanere indietro nella vostra lista letteraria ed essere così poi impreparati a settembre! Siete a corto di idee? Non ci sono problemi: fossi in voi, leggerei sicuramente Il GGG di Roald Dahl, edito da Salani. A gennaio uscirà il film, diretto da Steven Spielberg, ma, vi prego, leggete prima il libro! Un piacevolissimo romanzo per tutti, anche se nato per bambini: una favola che narra di giganti, orfanelle e sogni custoditi in barattoli di vetro. Per chi invece vuole ricaricare le pile in attesa di ripartire con più grinta a settembre, consiglio di leggere 96 lezioni di felicità di Marie Kondo (Vallardi editore). Il segreto della felicità? Strano a dirsi, ma sarebbe proprio nel saper mettere ordine nella propria vita e… nel proprio armadio! Un approccio zen a un’attività odiata da molti (anche dalla sottoscritta…); speriamo che riesca a convincermi! Infine, per chi vuole dare alla propria estate un brivido di tensione, consiglio una trilogia thriller scritta da quello che considero uno dei più talentuosi scrittori al mondo: Stephen King! Mr Mercedes, Chi perde paga e End of Watch (editi da Sperling & Kupfer; l’ultimo volume è uscito in America a giugno ma non ancora in Italia). Un efferato omicidio di massa fa brancolare nel buio la polizia. Unico indizio: una Mercedes rubata, che è anche l’arma del delitto. Quando sembra che la vita sia tornata ad essere quella di prima, qualcuno, a quanto pare l’assassino, scrive una lettera al detective Hodges, ormai in pensione, che ritrova la voglia di mettersi in gioco e soprattutto di indagare su quel caso che per lui era ormai chiuso… I libri hanno ricevuto critiche molto positive in America e sono una buona occasione per leggere uno Stephen King per una volta più vicino al giallo che all’horror! Buona lettura a tutti!

 

… E da tutti noi, Buone vacanze!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...