Svevo opere Dall'Oglio

di Paola Bianchi

Il difficile passaggio alla terza età della nostra vita

È piacevole, ogni tanto, rileggere un classico, magari appartenente alla nostra letteratura, e approfondire un autore a volte studiato frettolosamente durante gli anni di scuola o semplicemente sfiorato attraverso le sue opere più note. È questo il caso, almeno per quanto mi riguarda, di Italo Svevo, di cui recentemente ho letto La novella del buon vecchio e della bella fanciulla.

L’opera, pubblicata postuma, ricorda molto Senilità, anche se il medesimo tema è qui dipinto con colori più freddi. In appena cinquanta pagine, tra l’altro molto scorrevoli, l’autore accende i riflettori su un problema che, prima o poi, riguarda la maggior parte di noi: la vecchiaia e gli impulsi non sopiti dall’età avanzata.

Il protagonista è appunto un anziano signore (anche se oggi i suoi sessant’anni non vengono più associati al tramonto della vita), che cede al desiderio carnale nei confronti di una giovane che potrebbe essere la nipote. Il racconto si sviluppa quindi proprio intorno alle differenze, non solamente di generazione, tra i due personaggi. Dipendente dall’immagine e dall’etichetta il primo, tanto da celare i propri istinti dietro un ruolo di pigmalione, sfrontata, semplice e approfittatrice la seconda, che vede nel suo spasimante un’opportunità di carriera e di crescita sociale.

La storia è un’abile pretesto per trattare, com’è proprio del romanzo psicologico introspettivo, i travagli interiori dell’essere umano. Qui si delineano diversi sentimenti quali l’innamoramento, la pulsione sessuale, il senso di colpa e di sconforto, la cupidigia e l’invidia. Tuttavia, la novella strappa facilmente un sorriso al lettore. La storia è pervasa dall’ironia dello scrittore e gli atteggiamenti sia di uno, che dell’altro protagonista sono facilmente identificabili ed immaginabili.

Resta un po’ di amaro in bocca scoprendo, prima della fine del racconto, il vecchio morto con la penna in bocca, proprio quando era riuscito a ritrovare un po’ di serenità. Il cambiamento della giovane, più impertinente e viziata, lo aveva infatti spinto ad un profondo esame di coscienza, cui era seguita una catartica accettazione del proprio stato e del proprio ruolo. Agli incontri “romantici”, sfinenti per la sua salute cagionevole, era stata sostituita la passione per il diario e quindi aveva iniziato a riempire risme di carta con le sue memorie e le sue riflessioni.

Inevitabile la riflessione che segue ad una simile lettura. Che ci si rispecchi o meno in uno dei due personaggi, che si approvi o meno il loro comportamento, bisogna riconoscere la loro attualità. Essi potrebbero, infatti, rivivere oggi nella nostra società, perché riguardo ad argomenti come l’alternanza dei ruoli, la prosopopea o l’arrivismo, in fondo, da allora, poco è cambiato.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...