“Sabotaggio d’amore” di Amélie Nothomb

Il mondo attraverso gli occhi di una spregiudicata bambina di sette anni.

Nata in Giappone da due diplomatici belgi, cresciuta in Cina, Stati Uniti e Bangladesh durante l’infanzia e parte dell’adolescenza, arrivata a Bruxelles a diciassette anni e tornata a Tokyo dopo la laurea, Amélie Nothomb esordisce come scrittrice in Europa, dove si ristabilisce nel 1991, con L’igiene dell’assassino. Da allora, pubblicando freneticamente un libro all’anno, ottiene numerosi e importanti riconoscimenti, divenendo un’autrice di culto in diversi Paesi.

Sabotaggio d’amore è il suo secondo romanzo, pubblicato per la prima volta nel 1993 (’98 in Italia) e vincitore del Prix Littéraire de la Vocation e del Prix Chardonne. Il libro, come del resto la gran parte della produzione dell’autrice, è autobiografico. Ambientato a Pechino negli anni Settanta, Amélie Nothomb vi narra l’esperienza di  quando, all’età di sette anni, è costretta a lasciare il suo amato Giappone per seguire i genitori nella capitale cinese. All’interno del ghetto di San Li Tun, in cui i diplomatici stranieri sono confinati, i bambini prendono parte ad un “conflitto mondiale” della durata di tre lunghi anni. Tra le descrizioni di “terribili spedizioni” e “spietate torture”, Amélie scopre l’amore, o meglio quanto questo possa essere crudele ed estenuante.

Lo sguardo della protagonista, smaliziato e irriverente, si posa su ciò che la circonda giudicando tutto e tutti in maniera essenziale e disillusa, senza lasciare scampo a niente e a nessuno. L’autorevolezza e la logica delle asserzioni di Amélie costruiscono un romanzo divertente e leggero, che permette al lettore di ritagliare uno spazio temporale in grado di ricondurlo al tempo dell’infanzia, quando il mondo esiste solo in funzione della propria persona e gli adulti appaiono esseri bizzarri le cui azioni sono spesso prive di senso.

Lo stile dell’autrice è un tutt’uno con il contenuto del libro: dinamico, veloce, costruito su frasi brevi e semplici, le sentenze di una bambina che trae, in maniera trasparente e inequivocabile, le sue conclusioni su eventi e individui. L’umorismo di quest’autrice è irresistibile, così come la sua opera!

Sabotaggio d’amore è un libro che non può non piacere. Raccomandato a chiunque con la promessa che non ne resterà deluso!

Sabotaggio d’amore
di Amélie Nothomb
Voland
febbraio 2008
12,00 €
Disponibile presso la biblioteca di Civitavecchia.

Annunci

Un pensiero riguardo “DA BAMBINA HA GIÀ CAPITO TUTTO di Daniela Esposito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...